Idee, pensieri e riflessioni

Articoli con tag “Kahlil Gibran

Ognuno è artefice del suo destino

“Se ami qualcuno… lascialo andare!Non si cambia... fidati

Se ritorna… è sempre stato con te!

Se non ritorna… non è mai stato tuo!

– Kahlil Gibran

Annunci

Sarà destino?

DestinoLa vita ti fa ricominciare da capo infinite volte e ogni volta è diversa, ogni volta devi imparare di nuovo a saperti rapportare con persone che non conosci e non ti conoscono… ma è un male questo oppure è un bene? Non so rispondere, io ancora lo devo capire.

Il destino, cammina con te. Talvolta ti accompagna garbato, sovente, invece, ti appare come una carta straccia appiccicosa che ti s’incolla alla suola, e ti segue anche se non vuoi. Talvolta si crede di poter risolvere, in vario modo, i problemi e le questioni ordinarie dell’esistenza. Si fa ricorso a complicati e anche difficili mezzi, dimenticando che basta un poco di pazienza per disporre ogni cosa in ordine perfetto.

Samuel Beckett si chiese: “Che cosa so del destino dell’uomo? Potrei dirvi di più a proposito dei ravanelli. Non lo so… se abbiamo ognuno il suo destino o se siamo tutti trasportati in giro per caso come da una brezza… ma io credo, può darsi le due cose”. In attesa di scoprire il mio destino, che ora percorre trafelato il fondo di due splenditi occhi… leggo questi pochi versi, e finalmente stanotte (ieri, per voi che avrete la cortesia di leggermi), dopo tanto, risento di nuovo il battito del mio cuore.

Quando l’amore vi chiama,
seguitelo, anche se le sue vie sono dure e scoscese.
E quando le sue ali vi abbracciano, arrendetevi a lui.
Quando vi parla, credete in lui, anche se la sua voce
può cancellare i vostri sogni, come il vento scompiglia il giardino.
Come covoni di grano, vi raccoglie in sé.
Vi batte fino a farvi spogli.
Vi setaccia per liberarvi dalla pula.
Vi macina per farvi farina bianca.
Vi impasta finché non siete docili alle mani;
e vi consegna al fuoco sacro, perché siete pane consacrato
alla mensa del Signore.
L’amore non dà altro che se stesso e non prende niente se non da sé.
L’amore non possiede
né vuol essere posseduto,
perché l’amore basta all’amore.

– Kahlil Gibran


Ricordi di una notte (leggendo Gibran)

– I Ricordi quelli importanti, quelli che hanno la magia, ci aiutano a superare i momenti difficili della nostra vita e ci fanno crescere. A volte ci danno una mano a ridimensionare gli avvenimenti, a farli sembrare meno brutti, a volte ci fanno soffrire, a volte si confondono con i nostri sogni.

RicordiRicordare è come guardare in un grande album di foto, che è la memoria, tra quelle pagine i ricordi sono, forse, la cosa più bella che conserviamo. Sono il nostro passato, rappresentano la nostra storia e il nostro futuro, possono essere belli o brutti, possono farci soffrire, possono tormentarci o darci gioia, non importa i ricordi sono nascosti dentro di noi e sono solo nostri.

Non serve cancellarli dalla mente quando ci fanno male, perchè essi ritorneranno davanti ai nostri occhi, nel nostro cuore e nel nostro presente. Basta un profumo, un avvenimento, delle musiche, per rivivere delle sensazioni o delle emozioni, che siano belle o brutte non ha importanza, sono dentro di noi e ci appartengono.

Le avventure, le esperienze, gli amori o le delusioni ci faranno crescere e ci aiuteranno a percorrere la strada della nostra vita più consapevoli, ci impediranno di fare gli stessi errori del passato e quindi di percorrere la strada verso il nostro futuro con meno paure. Quanto siano importanti i ricordi per ognuno di noi chi può dirlo, proprio perchè rappresentano la nostra vita. Senza i ricordi è come non se non fossimo mai vissuti, quando siamo ragazzi ci aiutano crescere, da adulti ci aiutano a non commettere errori, da vecchi ci aiutano a sopravvivere. I ricordi sono la vita… perdere i ricordi è come perdere una parte di noi.

Il ricordo è un modo d’incontrarsi. Ancora.