Idee, pensieri e riflessioni

Articoli con tag “cds

Italia e debito pubblico: ma quanto siamo Piigs?

Debito – Mentre per Berlusconi siamo “il paese più ricco d’Europa”, persino “meglio della Germania”, ad un’analisi finanziaria più attenta, emergono tutte le nostre difficoltà. E se a dirci la verità sui nostri Conti pubblici fossero i mercati “Over the counter”, anziché Tremonti?

“Non siamo l’ultimo paese d’Europa”. Anzi: “Se mettiamo insieme algebricamente il concetto di dinamica del debito e quello di sostenibilità del debito siamo il Paese più ricco d’Europa, un pelo sopra la Germania”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi intervenuto telefonicamente ai lavori del convegno della neonata fondazione “Liberamente” a Moniga del Garda. E ancora: “L’Italia – secondo il premier – è un paese solidissimo” soprattutto per quanto riguarda il privato. “Le famiglie italiane lavorano e risparmiano e sono proprietarie, per l’80% delle loro case. Per questo il nostro sistema bancario è il più solido d’Europa. Ho fatto inserire nei sistemi di valutazione di Maastricht due concetti che sono la dinamica del debito più il concetto di sostenibilità del debito”. Mettendoli insieme, chiosa Berlusconi l’Italia “è il paese più ricco d’Europa”. E’ davvero così? Qualche dubbio – molto più di uno – è lecito nutrirlo. Non solo perché spesso le dichiarazioni del nostro premier si sono rivelate – con un eufemismo – incorrette… ma anche perché tendono, ancora una volta, ad occultare se non addirittura a travisare agli occhi dell’opinione pubblica la situazione delle nostra economia e della nostra finanza pubblica.

[Prosegue su : Giornalettismo]

Annunci

Debito pubblico: la lente dei mercati sull’Italia

Debito pubblico – L’ultima massiccia emissioni di bond del Tesoro non è servita a ridurre lo “spread” dei nostri titoli ma ha fatto invece crescere i dubbi sullo stato delle nostre Finanze pubbliche. “L’Italia non è gli Stati Uniti”, dicono.

“L’idiozia in Europa non conosce limiti”. E’ stato il tagliente commento di Tyler Durden, commentatore del sito finanziario zerohedge.com sulla recente immissione di bond italiani da parte del Tesoro. “Proprio quando il rapporto Euro su Dollaro stava per stabilizzarsi – scrive Durden – l’Italia ha annunciato che, a seguito della crisi finanziaria greca, avrebbe aumentato la sua emissioni obbligazionarie a 240-250 miliardi”.

[Prosegue su Giornalettismo]


CDS Italiani ai massimi, cresce la sfiducia dei mercati

Indici borsa – Neanche il tempo di pubblicarla in Gazzetta ufficiale che la manovra correttiva varata dal governo viene bocciata dagli investitori, in particolare quelli esteri. Per molti operatori il piano approvato dal governo per il rientro dal deficit “non appare credibile”.

Per i trader e gli investitori il mercato dei Credit Default Swap, i cosiddetti CDS rappresentano da sempre la vera cartina di tornasole dello stato di salute “finanziario” di un paese, poiché permette di valutare in modo oggettivo quanto sia a rischio la situazione di chi, appunto, ha emesso titoli. Agli occhi dei mercati, quindi, la recente manovra correttiva dei nostri Conti pubblici varata dal governo, non appare credibile. Molti osservatori reputano, con ogni probabilità, necessaria un’ulteriore manovra d’aggiustamento, forse già in autunno. Staremo a vedere.

[Prosegue su Giornalettismo]